Archivi tag: guida

Video tutorial su come ottenere un allineamento polare perfetto con il metodo della deriva stellare

Questo video illustra il principio dell’allinemento polare di una montatura equatoriale con il metodo della deriva stellare, conosciuto anche come metodo di Bigourdan. Un allineamento grezzo è eseguito per la prima volta puntando l’asse di AR verso la Polare.
Il movimento dell’asse R.A. in alto e in basso è chiamato regolazione dell’altezza e il movimento sinistra-destra di regolazione è chiamato regolazione dell’azimuth.
Illustriamo di seguito la regolazione dell’azimuth per l’emisfero settentrionale.
La linea nera sulla Skyboard visualizza l’effettivo percorso di una stella durante la notte. Sceglieremo una stella che si trova vicino al meridiano sud e vicino all’equatore celeste.
Essa sorgerà da sud-est e tramonterà a sud-ovest.

E’ stata disegnata la linea nera puntando la montatura dritto verso lo Skyboard e girando la torcia attorno all’asse RA.
Questa è la stella che attraversa il cielo e il disco luminoso di luce rappresenta la vista che si avrebbe nel telescopio, perfettamente allineate in modo che la stella si trovi al centro.
Si passa ora a ruotare leggermente la montatura in senso antiorario in azimuth per vedere come essa tracci la stella artificiale. I punti seguono il percorso, ora in maniera disallineata, che la montatura traccia nel cielo. Si noti che la stella appare sorgere in prossimità del percorso creato dalla montatura.
Quindi, se la stella appare salire, significa che dobbiamo correggere leggermente in azimuth la montatura in senso orario. Se appare scendere, dobbiamo intervenire sulla montatura in senso antiorario. Queste correzioni verranno effettuate tramite le manopole o viti dei moti micrometrici che ormai quasi tutte le montature offrono sulla base della testa equatoriale: due per l’azimuth e una per l’altezza.
Intervenendo più volte tramite questi aggiustamenti si avrà un allineamento perfetto.

Per quanto riguarda l’aggiustamento in altezza? In questo caso si deve scegliere una stella posta ad est. E’ stata disegnata di nuovo una stella che sorge da est, girando solo la montatura nell’asse di RA. Quindi cosa accadrebbe se la mia altezza fosse leggermente inferiore? Dovrei portarla in corrispondenza della stella?
Ebbene, la stella sembrerebbe sorgere più velocemente della mia montatura.
Quindi se la stella sale si dovrà solo correggere la mia montatura leggermente in alto mentre se scende si dovrà correggere leggermente in basso.

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Guida all’astrofotografia

M31 Galassia di Andromeda

M31 Galassia di Andromeda

Pubblicata una guida generale all’astrofotografia, orientata ai neofiti che intendono intraprendere questa appassionante disciplina.

La guida intende offrire un orientamento e alcune nozioni generali sulle tecniche fotografiche da utilizzare, sugli strumenti fotografici e sui soggetti da fotografare.

E’ disponibile a questo indirizzo. L’intento è riuscire a mantenerla continuamente aggiornata, sia per quanto riguarda l’affinamento delle tecniche che per ciò che riguarda gli strumenti, con foto ed esperienze dirette.

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Autoguida con MacBook – Esempio pratico

Passare dalla guida manuale all’autoguida nell’astrofotografia è uno step che prima o poi tutti gli astrofili compiono, per avere il meglio dalla propria strumentazione e per apprezzare i benefici in campo fotografico della guida assistita.
Non pochi però sono i problemi e i dubbi su come utilizzare i corretti strumenti e soprattutto su come “collegare” in maniera corretta le varie componenti fra loro.
In questo articolo si illustra un esempio di corretto collegamento tra un Meade LX200, una reflex digitale Canon EOS 350D, una camera CCD Meade DSI Pro II e un MacBook.

Di seguito potete osservare lo schema di collegamento e gli accessori utilizzati per collegare la 350D al telescopio:

canon-eos-350d

Clicca per ingrandire

Si noterà che si è utilizzato un adattatore T-variabile tra il riduttore di focale e l’anello T della reflex che consente di avere circa 118 mm di spazio per una corretta messa a fuoco.
La figura sotto illustra come connettere  un MacBook al telescopio, alla Canon EOS e alla camera CCD per l’autoguida:

collegamenti1

Clicca per ingrandire

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Controllo della Canon EOS 20Da via computer tramite iAstroPhoto

eos20da

Considerata forse la migliore reflex digitale per l’astronomia, la Canon EOS 20Da è un gioiello della tecnologia, ed è l’unica reflex concepita appositamente per l’astrofotografia, grazie ad una serie di modifiche come il filtro passa-basso posto di fronte al sensore che aumenta di oltre il doppio la sensibilità alla lunghezza d’onda  della linea dell’idrogeno alfa, comune a molti oggetti celesti. Per sfruttare al meglio questo strumento è opportuno disporre di una serie di software per automatizzare ad esempio le sequenze di scatto, per elaborare le immagini RAW, per controllare i parametri della fotocamera via computer.
Sfortunatamente i migliori e più utilizzati software utili allo scopo sono per piattaforma Windows, ma ce n’è uno, iAstroPhoto, concepito per la piattaforma Macintosh, ed è gratis.
focuser1Ispirato a DSLR Focus per Windows, iAstroPhoto è un programma che assiste gli astrofotografi sul campo, permette infatti il controllo diretto delle Canon DSLR e può essere utilizzato su qualsiasi reflex digitale controllata da altri software.
Il software attualmente include un modulo focus, che assiste l’astrofotografo nella messa a fuoco delle camere SLR, e un modulo di controllo fotocamera che consente tra le altre cose il controllo remoto dell’otturatore in modalità “bulbo”.
Oltre alla Canon 20Da sopra menzionata, iAstroPhoto è compatibile anche con molte altre reflex digitali Canon.
Richiede Mac OS X 10.2 o superiore, il sito ufficiale è raggiungibile a questo indirizzo.

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Guida all’ottimizzazione delle montature equatoriali

Carlo Martinelli ha pubblicato una guida completa per l’ottimizzazione delle montature equatoriali EQ5-LXD55/75-GPDX-EQ6 al fine di ridurrre al minimo i difetti costruttivi insiti in tutte le montature costruite in serie. La guida analizza un pò tutte le componenti delle montature in oggetto, treppiede, testa equatoriale, motori, accoppiamento corona-vite senza fine, suggerendo gli interventi da effettuare e i materiali da utilizzare.

Tali interventi risultano molto utili ai fini dell’astrofotografia a lunga esposizione e per le riprese con camere CCD.

La guida è molto ben strutturata, con foto e disegni esplicativi che guidano l’utente passo passo nelle varie fasi di ottimizzazione.

reader1La guida in PDF è prelevabile qui.

Sempre Carlo Martinelli propone una miniguida su come effettuare un corretto ed accurato allineamento polare. Questa operazione risulta fondamentale per effettuare foto a lunga esposizione, dato che esse risulteranno tanto più precise quanto più accurato sarà l’inseguimento, obbiettivo raggiungibile sopratttutto tramite un corretto allineamento polare.

reader1La guida in PDF è scaricabile qui.

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)