Mi presento

Ciao a tutti, sono un astrofilo riscopertomi tale solo recentemente, dopo aver accantonato per anni la passione per l’astronomia. Ciò che mi ha spinto a creare questo blog è stata la difficoltà a reperire informazioni, software ed esperienze in materia astronomica per chi come me utilizza un Mac. Ebbene si! oltre all’astronomia una mia passione parallela è quella per i fantastici prodotti della Mela, che utilizzo da anni con grandissime soddisfazioni. Ma non sto qui a descrivere l’abisso che separa i Mac dai PC (lo sappiamo tutti!), il vero problema è che il supporto per gli astrofili che vogliono utilizzare il proprio Mac in campo astronomico è veramente scarso, almeno in Italia.

Ecco perchè sono qui a scrivere. Lo scopo che tenterò di raggiungere inseme a voi con questo sito è quello di condividere le mie esperienze nel campo dell’astronomia, pubblicando risorse e scambiando con voi pareri e commenti che possano essere utili a tutti quelli che, come me, hanno trovato difficoltà a reperire materiale valido per un completo e piacevole utilizzo della piattaforma Macintosh in campo astronomico.

Comincio la mia avventura descrivendo l’attrezzatura posseduta, niente di speciale ma sufficiente credo ad un approccio semiserio all’osservazione e a qualche accenno di fotografia astronomica:

Meade SC 203/EMC

  • Telescopio MEADE SC 203/EMC 8″
  • Montatura equatoriale CELESTRON Advanced GT con GoTo
  • Oculare Plossl 32mm
  • Oculare William Optics SWAN 20mm
  • Oculare Plossl Celestron 10mm
  • Webcam Apple iSight
  • iBook G3 800 MHz
  • MacBook Intel 2.4 GHz

Devo dire subito che questa configurazione è abbastanza recente, dato che per anni sono andato avanti con il mio amatissimo Newton Celestron Firstscope 144/900, spremuto fino all’osso e compagno di stupende serate trascorse ad osservare il catalogo Messier (o meglio una sua piccola parte…).

Celestron Firstscope Newton 144Eccolo qui in tutto il suo splendore!

La prima cosa che ho cercato in rete per facilitarmi la ricerca degli oggetti celesti è stato un software planetario. Dopo vari tentativi la scelta è ricaduta su Equinox 6, devo dire un ottimo planetario, valido sia per principianti che per astrofili esperti; Equinox consente la visualizzazione della volta celeste in base all’effettivo scorrimento del tempo ad un periodo dell’anno stabilito, permette di filtrare gli oggetti nella volta in base alla tipologia, stelle, pianeti, oggetti del profondo cielo, comete, costellazioni, etc.
C’è una finestra che simula la vista telescopio e controlla via computer una gran varietà di strumenti ottici, telescopi, fotocamere digitali, webcams e fuocheggiatori. Permette di impostare tour guidati fra gli oggetti celesti ed ha una funzione per il controllo vocale dei movimenti del telescopio.

Tra le webcams supportate c’è anche la iSight, motivo in più che mi ha convinto a scegliere questo software.

Ed è proprio con il newton 114 che ho provato le prime riprese di Venere con la iSight, utilizzando il metodo afocale (scatto attraverso un oculare messo a fuoco per l’occhio e la lente di iSight focalizzata all’infinito) a meno che non si rimuove la lente di iSight. Devo dire che il risutato non è stato quello che mi sarei aspettato, forse per il fatto che ho “brutalmente” attaccato la webcam all’oculare con del nastro adesivo, dato che trovare un adattatore per la iSight da innestare tra la webcam e l’oculare è un’impresa impossibile, a meno che non te lo costruisca da solo.

Comunque continuerò a fare esperimenti “creativi” e a pubblicarli, condividendo esperienze e risorse, nella speranza di essere utile a qualcuno. Spero di far crescere questo sito anche e soprattuto con il vostro aiuto, in modo da farlo divenire un punto di riferimento per il binomio Astronomia/Apple!

Francesco Di Pomponio

info[at]astronomiacreativa[dot]com

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *