Controlla il tuo telescopio dall’iPhone con StarMap

screenshot11Starmap è un planetario tascabile progettato per iPhone che utilizza la sua favolosa tecnologia multitouch. Consente di visualizzare al tocco delle dita qualsiasi mappa del cielo, presente e futuro, in qualsiasi momento e ovunque.
Porta a conoscenza l’utente di eventi astronomici stagionali, dei nome delle stelle, della posizione dei pianeti e dei prossimi sciami di meteore. Non occorrono particolari cognizioni astronomiche per utilizzare StarMap.

La versione PRO è dedicata agli utenti più avanzati che possiedono anche un telescopio. Più di due milioni e mezzo di stelle, i cataloghi NGC/IC, venticinquemila oggetti con informazioni dettagliate.
Starmap PRO riflette esattamente quello che vedresti nell’oculare del telescopio, ti aiuta a pianificare le osservazioni, selezionando gli oggetti rilevanti visualizzando il cielo notturno in una singola pagina.
Amministra le tue ottiche, utilizza il time slider per trovare congiunzioni. Punta facilmente con il Telrad. Puoi scegliere le migliori ottiche per la tua fotocamera, creare note, appunti e allarmi relativi ad oggetti ed eventi.

Ma la funzione forse più sorprendente di Starmap è la possibilità di controllare il telescopio dal tuo iPhone!
Tramite l’interfacciamento a Equinox6 infatti Starmap è in grado di acquisire in WiFi i comandi per controllare movimenti e puntamento del telescopio.

screenshot7Per far ciò basta abilitare in Equinox la connessione a Starmap, lanciare Starmap dall’iPhone e nelle impostazioni WiFi si dovrebbe vedere Equinox come servizio di rete. Una volta connesso al servizio Starmap e d Equinox sono sincronizzati, avendo l’accortezza di impostare la stessa data e la stessa località su entrambe le applicazioni.
Fatto questo è possibile andare nel menù telescopio di Starmap e impostare la velocità dei motori. Toccando le frecce direzionali sarà quindi possibile controllare i movimenti del proprio telescopio dall’iPhone.
Oltre a questo ci sono tutta una serie di funzioni utili per utilizzare proficuamente Starmap in abbinamento al telescopio. Il software viene fornito anche in lingua italiana ed è acquistabile nell’App Store direttamente dal proprio cellulare.

Visita il sito ufficiale

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Be Sociable, Share!

9 pensieri su “Controlla il tuo telescopio dall’iPhone con StarMap

  1. marco

    Ciao Francesco,mi chiamo marco e anchio sono appassionato di mac e mi sono appena preso un celestron cpc 8,ho anche la webcam neximage,della celestron,sapresti consigliarmi qualche programma per poter interfacciare per adesso la webcam neximage?come portatili della mela possiedo un ibok g4 1,33ghz,un ibook g3 6mhz,e un powerbook 12″ g4 800mhz.
    Ho provato con equinox 6 con un imac intel,ma mi connette sempre la webcam del’imac,ho provato con un ibook g3 con equinox,ma non trova niente.
    grazie complimenti per il bel sito.

  2. Francesco Autore articolo

    Ciao Marco, guarda non conosco la neximage ma possiedo anch’io un iBook G3 con equinox, non ha la webcam integrata e quindi ho acquistato una iSight connessa via firewire ed equinox la riconosce benissimo, non saprei dirti però se la neximage sia compatibile con il mac, credo il problema sia tutto lì, dovresti provare a scaricare i driver Macam (http://webcam-osx.sourceforge.net/) e vedere se nella lista è compresa anche la tua webcam.
    Grazie per i complimenti e… tienimi aggiornato!

  3. marco

    ciao,domani provo con il powerbook g4,ma forse penso sia come dici tu,anche perchè le porte del g3 sono quelle vecchie 1.1,quindi non so,il powerbook g4 800 ha le 2.0? che tu sappia
    altrimenti mi tocca installare virtual pc e farci girare windos,vediamo un pò
    ma tu riesci con il g3 anche a comandare il telescopio?

  4. marco

    francesco hai ragione cavolo,ho scaricato macam e funziona,solo che praticamente non si vede un bel niente è tutto sfocato,se provo a riprendere la mia faccia vedo solo i colori che cambiano ma non si distingue niente,cosa può essere?può essere rotta la webcam?ora lo provato su l’imac con snow leopard,domani provo sul g3 e g4.

  5. Francesco Autore articolo

    Ma la webcam la usi in proiezione con l’oculare montato sul telescopio o è attaccata direttamente al barilotto portaoculari? Perchè essendo una webcam destinata all’astronomia potrebbe avere qualche filtro ir-cut e quindi le immagini normali potrebbero venire sfocate, ti consiglio di fare una prova sul campo, o comunque, per escludere problemi di compatibilità con il mac, se puoi, prova una webcam normale e vedi se noti lo stesso difetto.
    Ciao.

  6. marco

    ciao,francesco,forse mi sono spigato male,ancora non l’ho usata la webcam con il telescopio,lo solo provata in casa mentre provavo a interfacciarla con equinox e ho notato che si vedeva tutto sfocato,ma forse è propio come dici tu,sicuramente essendo una camera astronomica ha un ingrandimento elevato che non permette di riprendere da vicino,ho sbaglio?scusa i miei termini molto casarecci ma non sono molto esperto,comunque ti confermo che installando i driver che tu mi hai detto la camera celestron neximage funziona anche con un ibook g3,ora la prima serata bella proverò tutto,considera che devo ancora provare anche il telesopio,c’è sempre brutto.
    volevo chiederti una cosa,ma tu come fai ad usare il telescopio con l’ibook?ti spiego,io sul mio cpc 800 ho due porte per poter interfacciare il telescopio con il mac,una sotto la pulsantiera nexstar e una sulla base del telescopio,hai presente?volevo sapere perche ne ho due e se per caso sai che differenze ci sono,perche purtroppo non so perche ma il libretto d’istruzioni in italiano che danno in dotazione fa veramente pietà.
    ultimissima cosa,ho installato sul mio iphone,questa app che tu citi in questo articolo starmap,anzi la consiglio vivamente,e ben,un pò cara,ma ben fatta,inoltre ha una funzione che ti permette di sapere cosa puoi osservare in quel determinato giorno,ecco appunto,osservando quello che si può vedere ogni giorno,ho notato che molte cose,sono osservabili anche in pieno giorno,quindi mi confermi che si può utilizzare il telescopio anche quando ancora non è buio?scusa per tutte ste domande,sicuramente devo pagarti una birra.ciao

  7. Francesco Autore articolo

    Andiamo con ordine, innanzitutto ti serve un adattatore seriale/usb per collegare il telescopio al mac, infatti con il telescopio dovrebbe esserci in dotazione un cavetto con un plug in un capo da attaccare al telescopio (per intenderci tipo la presa telefonica) e all’altro capo una porta seriale. Dato però che il mac non ha un ingresso seriale, ti serve un adattatore: io ho provato e testato con successo il Keyspan USB Adapter. A questo punto sei pronto. Il cavetto va collegato alla porta sulla montatura se vuoi fare l’autoguida tramite computer, o sull’uscita della pulsantiera se vuoi controllare i movimenti e il puntamento del telescopio, sempre tramite computer.
    Sugli oggetti che Starmap ti seglala visibili in pieno giorno non saprei, dipende da cosa ti segnala, potrebbe ad esempio segnalarti Venere, visibile già al tramonto del sole i determinate periodi dell’anno, o la luna, ma altro non credo, controlla se hai inserito correttamente le informazioni sulla posizione geografica.
    A presto:-)

  8. marco

    ciao,meno male che ci sei tu che mi dai una mano,quello che però non riesco capire è la differenza che hanno le due entrate,tu dici,quella sul telescopio è per l’autoguida,quella sulla pulsantiera se vuoi comandare i movimenti del telescopio,scusami non riesco capire,puoi spiegarmi questo fatto?adesso comunque ti pago una birra,altrimenti mi sembro uno scroccone.
    adesso ho deciso di vendere tutti i portatile ibook che ho e prendermi un bel macbook pro,quindi colgo l’occasione di comunicarti a te e a chi legge,che ho 5 ibook g3 da vendere,con varie configurazioni di hard disk,4 ibook sono g3 500 e 1 g3600,se a qualcuno interessa,li vendo
    ultima cosa,mi puoi dire dove hai trovato l’adattatore seriale?se lo hai preso on line comunicami il sito,perche da una piccola ricerca che ho fatto sembra non esserci in italia,poi per il cavo seriale dovrò comprare anche quello perche nella confezione non c’era.

  9. Francesco Autore articolo

    Ciao Marco, innanzitutto grazie per la birra 😉
    Vediamo di fare chiarezza: la porta dell’autoguida sulla montatura serve a collegare uno strumento, come ad esempio una camera ccd, per fare l’autoguida ad esempio in una posa fotografica a lunga esposizione: nel caso infatti volessi fotografare un oggetto con luce molto debole, che richiede quindi un’esposizione di molti minuti, l’autoguida controllerebbe automaticamente il telescopio (puntando il ccd verso una stella e tenendola ferma al centro del campo) apportando quelle microcorrezioni che ti consentiranno di tenere fermo l’oggetto che stai fotografando al centro dell’obiettivo, con il risultato di una foto perfetta.
    La porta sulla pulsantiera invece ti consente di controllare il telescopio da remoto, tramite un computer ad esempio, ma questo collegamento ti replica semplicemente i comandi della pulsantiera sul mac (installando appositi tools per gestire tali comandi) consentendoti quindi di muovere, sempre manulamente, il telescopio via mac.
    Per quanto riguarda l’adattatore seriale/USB io l’ho comprato su amazon.com, il nome del prodotto è Keyspan High Speed USB Serial Adapter ( USA-19HS ).
    Spero di aver chiarito i tuoi dubbi, intanto spargo la voce per i tuoi iBook usati!
    A presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *