FITS Liberator v2.3 per Photoshop CS4

19 novembre 2009 | Autore: Francesco

FITS è l’acronimo di Flexible Image Transport System. Questa tipologia di file archivia quasi tutte le immagini di stelle, nebulose e galassie prodotte dai grandi telescopi in tutto il mondo. Prima del luglio 2004 questo tipo di file è stato in primo luogo accessibile ai ricercatori che lavorano con gli strumenti di elaborazione di immagini altamente specializzato. Oltre 60.000 amatori, educatori e astrofili hanno iniziato a utilizzare questo software dal rilascio della prima versione nel luglio 2004. The FITS Liberator è anche diventato lo standard del settore per gli scienziati di imaging professionale dell’Agenzia spaziale europea, dell’European Southern Observatory e della NASA.

fl22_screenshotIl rilascio della versione 2 del popolare software di elaborazione di immagini FITS Liberator ha reso ancora più facile e veloce il suo utilizzo per creare immagini a colori utilizzando le prime osservazioni da una serie di telescopi, incluso il NASA / ESA Hubble Space Telescope, il NASA Spitzer Space Telescope, l’ESO Very Large Telescope e l’XMM-Newton Telescope dell’ESA.

FITS Liberator viene rilasciato sotto forma di plugin per Photoshop e funziona su Windows (Windows XP o successivo) e Mac (OS X 10.4 o successivo) ed è ottimizzato per Photoshop CS4 e CS3 (32 bit). Il plug-in funziona anche in Photoshop CS2, Photoshop CS (solo 16 bit), Photoshop 7.0 (solo 15 bit), e Photoshop Elements. Su Mac, FITS Liberator supporta solo Photoshop CS3 o superiore.

Questo è il link ufficiale per il download.

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Rilasciato l’aggiornamento di Equinox Image

20 ottobre 2009 | Autore: Francesco

Equinox Image 1.10.1 è ora disponibile. E’ un aggiornamento gratuito per tutti gli utenti registrati di Equinox Image. L’aggiornamento non viene rilasciato come patch separata ma occorre scaricare di nuovo il pacchetto completo all’indirizzo http://www.microprojects.ca/software/EIInstall.zip

E’ possibile semplicemente sovrascrivere la vecchia cartella di Equinox Image con la nuova o sostituire manualmente l’applicazione se nella cartella sono presenti dati da salvare.

Se si utilizza OS X 10.4 (Tiger) non è possibile aggiornare Equinox Image con questa versione.

I principali cambiamenti apportati:

  • Aggiunto il controllo di deformazione differenziale
  • Aggiunto il supporto per più intestazioni FITS
  • Corretto un bug di photometry file processing
  • Aggiunto un pannello per il 3D star profile
  • Angolazione della telecamera nella finestra di guida
  • Compilato con Xcode 3.2
  • Aggiunte un maggior numero di esposizioni
  • Testato con Snow Leopard

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Rilasciato l’aggiornamento di Equinox

11 ottobre 2009 | Autore: Francesco

Equinox 6.12.2 è ora disponibile. L’aggiornamento è gratuito per tutti gli utenti registrati. L’installer è disponibile all’indirizzo http://www.microprojects.ca/software/E6122UpdateInstall.zip

Questo aggiornamento richiede che si abbia installata la versione 6.10.0+. Se si dispone di una versione più datata occorre scaricare nuovamente il pacchetto completo.

Le nuove funzionalità di questa release:

  • La funzione Tour può leggere le pianificazioni esportate da Astroplanner
  • Connessione a Shoestring Astronomy’s DSUSB device
  • Compilato con Xcode 3.2
  • Risolti alcuni problemi di incompatibilità con Snow Leopard

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Un nuovo planetario gratuito per iPhone e iPod Touch

20 luglio 2009 | Autore: Francesco

SkyVoyagerSplashPrevSkyVoyager 1.1 è un potente planetario gratuito per iPhone e iPod Touch, progettato sia per i principianti che si avvicinano per la prima volta all’esplorazione del cielo, che per gli utenti avanzati.

Contiene un database di 300.000 stelle e 30.000 oggetti del profondo cielo. Visualizza i pianeti e la luna in dettaglio, utilizzando le immagini delle missioni NASA. SkyVoyager mostra accuratamente il cielo da qualsiasi località sulla Terra, a qualsiasi ora e fino a 100 anni nel passato e nel futuro.

SV include inoltre descrizioni dettagliate di costellazioni, pianeti, lune, stelle e oggetti del profondo cielo. Contiene centinaia di immagini provenienti dalle missioni nello spazio, dal telescopio spaziale Hubble e dai principali astrofili e astrofotografi professionisti del mondo.

Se possiedi un telescopio controllabile via computer, SkyVoyager può utilizzare la connessione WiFi dell’iPhone o dell’iPod Touch per puntarlo nel cielo.

SkyVoyager è disponibile nell’iTunes App Store ed è supportato da iPhone, iPhone 3G e iPod Touch.

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Aggiornamento del software Equinox6

30 giugno 2009 | Autore: Francesco

E’ disponibile l’aggiornamento di Equinox6 alla versione 6.12.0. E’ un aggiornamento gratuito per tutti gli utenti Equinox 6 registrati. In particolare questo aggiornamento è per Mac OS X 10.5 Leopard.
Il pacchetto aggiornamento può essere scaricato da questo indirizzo:
http://www.microprojects.ca/software/E6120UpdateInstall.zip

L’aggiornamento richiede che si abbia installata la versione 6.10.0 o superiore. Se si possiede una versione più datata è consigliabile scaricare la versione completa del software.

Le novità di questa versione sono:
1. Finestra per l’altitudine degli oggetti della notte.
2. Webcam flat frame processing.
3. Un menù popup per la somma/media del numero di frame ripresi con la webcam.
4. Protocollo Sky Commander / Losmandy DSC.
5. Eliminati i bug con la Canon 5D Mark II.
6. Closest NEO bypasses magnitude limit.
7. Eliminati altri bug minori.

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Consigli utili se si esegue Windows su Mac in virtualizzazione Parallels o VMWare

17 giugno 2009 | Autore: Francesco

Sempre più spesso si utilizza Windows in emulazione su Mac, per riuscire ad utilizzare alcuni software o talune periferiche (fotocamere, webcam, ccd) che altrimenti non girerebbero sotto OSX.

È necessario essere consapevoli però che se si hanno installati sia i driver Mac che quelli Windows di un dispositivo come una fotocamera CCD o uno degli adattatori Keyspan seriali, il dispositivo non funziona sotto Windows.

Il motivo è semplice: il driver Mac viene caricato quando si avvia il Mac ed è ancora in esecuzione quando si avvia Parallels o VMWare. Il Mac non produrrà driver a Windows, e la versione per Windows del driver non sarà in grado di essere caricata.

La soluzione è di mantenere il programma di installazione/disinstallazione del driver per Mac sul vostro Mac. Se avete intenzione di utilizzare il dispositivo con Windows, disinstallare il driver Mac (e se necessario riavviare). Il dispositivo dovrebbe funzionare sotto Windows virtualizzazione (se supportato). Se si vuole far funzionare il dispositivo sotto Mac OS, reinstallare il driver Mac.

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Lotta all’inquinamento luminoso

17 maggio 2009 | Autore: Francesco

Riporto un articolo tradotto dall’inglese relativo ad una campagna di sensibilizzazione verso le problematiche dell’inquinamento luminoso.

L’inquinamento luminoso è in aumento in tutto il mondo più velocemente che mai, ma perché dovremmo preoccuparcene?

Ammettiamolo, ci sono buone probabilità che si potrebbe non avere molto interesse per l’astronomia e si potrebbe non aver notato il bagliore arancione che oscura il cielo, la notte prima. Forse si possono ritenere altre questioni più importanti e prioritarie rispetto all’inquinamento luminoso. Ma è opportuno aumentare la consapevolezza degli effetti dell’inquinamento luminoso per tutti, non solo per gli astronomi, e il motivo per cui dovremmo essere tutti più interessati.

Domanda – l’inquinamento luminoso è un inevitabile effetto collaterale dello sviluppo urbano e della crescita economica?

Non sono sviluppo e crescita le principali cause di inquinamento luminoso. La causa principale spesso è la progettazione errata delle luci. La semplice verità è che qualsiasi luce mal disegnata o mal progettata può brillare nel cielo, piuttosto che sulla terra o sull’oggetto che si vorrebbe illuminare e contribuisce alla tipica foschia arancione, che molti di noi ora vedono di notte, invece delle stelle, e che viene chiamato “bagliore”.

Domanda – Ma perché la questione deve preoccuparci?

Siamo tutti sempre più preoccupati per l’esaurimento delle risorse naturali, le emissioni di anidride carbonica e dell’aumento dei prezzi del carburante e dell’energia e la recessione economica mondiale non aiuta. Purtroppo, questo spreco di energia che crea l’inquinamento luminoso è costata ai contribuenti centinaia di milioni ogni anno, che potrebbero essere destinati ad un uso migliore, ed è anche il tuo denaro!

Alla Terra costa illuminare il cielo!

Domanda – Perché così poco è stato fatto per evitare questo tipo di immondizia, quando è così facile ridurla? Come si può aiutare?

Per motivi di sicurezza e, in particolare, in punti caldi dove opera la criminalità, abbiamo bisogno dell’illuminazione di notte. C’è un malinteso comune però che sostiene che si riduce l’inquinamento luminoso soltanto spegnendo le luci per strada e quelle di sicurezza, ma questa non è necessariamente l’unica risposta. Non è intenzione di questa campagna allontanare la gente che ha paura del buio e della criminalità. Invece, siamo tutti in grado di seguire tre semplici passi per ridurre il problema:

• orientare verso il basso le luci esterne;
• dotare le nostre luci di sicurezza di sensori di movimento;
• utilizzare con parsimonia la luce esterna: quando necessario, se necessario, e nella giusta quantità.

E’ così semplice!

Su una scala più grande, il modo più efficace per ridurre l’inquinamento luminoso è di condividere le tue preoccupazioni con gli altri e incoraggiarli a seguire i tre semplici passi di cui sopra. La tolleranza da parte della gente nei confronti dell’inquinamento luminoso è dovuta semplicemente alla mancanza di consapevolezza sui problemi.

Non c’è da stupirsi che le nostre bollette siano molto elevate, se parte di esse finiscono per illuminare il cielo!

La prossima volta che si nota un bagliore di colore arancione nel cielo notturno, pensa all’incurante spreco di energia che rappresenta e come esso ci deruba delle meraviglie del cielo notturno.

Maggiore sarà il numero di persone a conoscenza delle problematiche e delle modalità per evitare l’inquinamento luminoso, più essa sarà trattata come una questione di reale importanza. Quindi, per favore, il passaparola e il link a questa pagina o al sito ufficiale del progetto (in inglese), perché come si suol dire,

molte mani rendono più leggero il lavoro!

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Un piccolo software freeware per l’allineamento alla polare

15 maggio 2009 | Autore: Francesco

31111_scrMise en station è un piccolo software freeware per mac che aiuta l’astronomo amatore ad allineare al polo la montatura equatoriale utilizzando il metodo della deriva stellare.

Il software fondamentalmente agisce come un reticolo con capacità di motion tracking; è particolarmente utile se non si ha la possibilità di osservare direttamente la polare dal sito di osservazione, perché magari oscurata da una casa o da montagne.

Mise en station è stato testato con una webcam Philips SPC900NC ma funziona con molte altre webcam non testate.

Il software è prelevabile qui.

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Controlla il tuo telescopio dall’iPhone con StarMap

30 aprile 2009 | Autore: Francesco

screenshot11Starmap è un planetario tascabile progettato per iPhone che utilizza la sua favolosa tecnologia multitouch. Consente di visualizzare al tocco delle dita qualsiasi mappa del cielo, presente e futuro, in qualsiasi momento e ovunque.
Porta a conoscenza l’utente di eventi astronomici stagionali, dei nome delle stelle, della posizione dei pianeti e dei prossimi sciami di meteore. Non occorrono particolari cognizioni astronomiche per utilizzare StarMap.

La versione PRO è dedicata agli utenti più avanzati che possiedono anche un telescopio. Più di due milioni e mezzo di stelle, i cataloghi NGC/IC, venticinquemila oggetti con informazioni dettagliate.
Starmap PRO riflette esattamente quello che vedresti nell’oculare del telescopio, ti aiuta a pianificare le osservazioni, selezionando gli oggetti rilevanti visualizzando il cielo notturno in una singola pagina.
Amministra le tue ottiche, utilizza il time slider per trovare congiunzioni. Punta facilmente con il Telrad. Puoi scegliere le migliori ottiche per la tua fotocamera, creare note, appunti e allarmi relativi ad oggetti ed eventi.

Ma la funzione forse più sorprendente di Starmap è la possibilità di controllare il telescopio dal tuo iPhone!
Tramite l’interfacciamento a Equinox6 infatti Starmap è in grado di acquisire in WiFi i comandi per controllare movimenti e puntamento del telescopio.

screenshot7Per far ciò basta abilitare in Equinox la connessione a Starmap, lanciare Starmap dall’iPhone e nelle impostazioni WiFi si dovrebbe vedere Equinox come servizio di rete. Una volta connesso al servizio Starmap e d Equinox sono sincronizzati, avendo l’accortezza di impostare la stessa data e la stessa località su entrambe le applicazioni.
Fatto questo è possibile andare nel menù telescopio di Starmap e impostare la velocità dei motori. Toccando le frecce direzionali sarà quindi possibile controllare i movimenti del proprio telescopio dall’iPhone.
Oltre a questo ci sono tutta una serie di funzioni utili per utilizzare proficuamente Starmap in abbinamento al telescopio. Il software viene fornito anche in lingua italiana ed è acquistabile nell’App Store direttamente dal proprio cellulare.

Visita il sito ufficiale

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Video tutorial su come ottenere un allineamento polare perfetto con il metodo della deriva stellare

23 marzo 2009 | Autore: Francesco

Questo video illustra il principio dell’allinemento polare di una montatura equatoriale con il metodo della deriva stellare, conosciuto anche come metodo di Bigourdan. Un allineamento grezzo è eseguito per la prima volta puntando l’asse di AR verso la Polare.
Il movimento dell’asse R.A. in alto e in basso è chiamato regolazione dell’altezza e il movimento sinistra-destra di regolazione è chiamato regolazione dell’azimuth.
Illustriamo di seguito la regolazione dell’azimuth per l’emisfero settentrionale.
La linea nera sulla Skyboard visualizza l’effettivo percorso di una stella durante la notte. Sceglieremo una stella che si trova vicino al meridiano sud e vicino all’equatore celeste.
Essa sorgerà da sud-est e tramonterà a sud-ovest.

E’ stata disegnata la linea nera puntando la montatura dritto verso lo Skyboard e girando la torcia attorno all’asse RA.
Questa è la stella che attraversa il cielo e il disco luminoso di luce rappresenta la vista che si avrebbe nel telescopio, perfettamente allineate in modo che la stella si trovi al centro.
Si passa ora a ruotare leggermente la montatura in senso antiorario in azimuth per vedere come essa tracci la stella artificiale. I punti seguono il percorso, ora in maniera disallineata, che la montatura traccia nel cielo. Si noti che la stella appare sorgere in prossimità del percorso creato dalla montatura.
Quindi, se la stella appare salire, significa che dobbiamo correggere leggermente in azimuth la montatura in senso orario. Se appare scendere, dobbiamo intervenire sulla montatura in senso antiorario. Queste correzioni verranno effettuate tramite le manopole o viti dei moti micrometrici che ormai quasi tutte le montature offrono sulla base della testa equatoriale: due per l’azimuth e una per l’altezza.
Intervenendo più volte tramite questi aggiustamenti si avrà un allineamento perfetto.

Per quanto riguarda l’aggiustamento in altezza? In questo caso si deve scegliere una stella posta ad est. E’ stata disegnata di nuovo una stella che sorge da est, girando solo la montatura nell’asse di RA. Quindi cosa accadrebbe se la mia altezza fosse leggermente inferiore? Dovrei portarla in corrispondenza della stella?
Ebbene, la stella sembrerebbe sorgere più velocemente della mia montatura.
Quindi se la stella sale si dovrà solo correggere la mia montatura leggermente in alto mentre se scende si dovrà correggere leggermente in basso.

Se ti è piaciuto questo post, offrimi una birra! (Un piccolo suggerimento: 3 Euro 1/2 pinta - 5 Euro 1 pinta)

Tags